2 Ottobre Ott 2020 1016 18 days ago

Europei Pista Juniores e Under 23

Dall’8 al 13 Ottobre 400 Atleti in gara a Fiorenzuola d’Arda - L’evento è stato presentato giovedì al Velodromo “Attilio Pavesi”

Cassani Gandolfi

Fiorenzuola d’Arda (PC), 1 ottobre 2020 - L’Emilia-Romagna e Fiorenzuola d’Arda catalizzeranno ancora l’attenzione degli appassionati di ciclismo dall’8 al 13 ottobre, quando al Velodromo “Attilio Pavesi” andranno in scena i Campionati Europei su pista per le categorie Junior e Under 23. Un grande evento che è stato presentato questa sera al Velodromo di Fiorenzuola, dove la rassegna continentale torna per la quarta volta: proprio qui si disputarono i primi Europei per la categoria Junior della storia, nel 2001, poi la rassegna è tornata nel 2004 (con la madison per Junior e Under 23) e nel 2005, in un’edizione che ha coinvolto tutte le categorie, Elite compresi.

L’evento dell’Unione Europea del Ciclismo, che ha trovato il pieno sostegno di Federciclismo, APT Emilia-Romagna e Destinazione Emilia, porterà a Fiorenzuola oltre 700 fra atleti (circa 400), tecnici, dirigenti e addetti ai lavori, impegnati in un fitto programma di gare che nelle sei giornate inizieranno la mattina si concluderanno nel tardo pomeriggio.
Le gare saranno trasmesse in live streaming sul sito ufficiale della Uec (www.uec.ch).

Alla presentazione sono intervenuti il sindaco di Fiorenzuola Romeo Gandolfi, l’assessore allo sport Massimiliano Morganti, il commissario tecnico della Nazionale Davide Cassani (che è anche presidente dell’APT Emilia-Romagna), il vice presidente della Federciclismo Daniela Isetti, il sindaco di Bobbio Roberto Pasquali in rappresentanza di Destinazione Emilia, il presidente del Velodromo Gaetano Rizzuto e il direttore del Velodromo, Claudio Santi.

L’Emilia-Romagna, in un anno così difficile, è un vero e proprio punto di riferimento per il ciclismo e per lo sport – ha detto Davide Cassani -. Ora ci attende un altro grande evento internazionale, che arriva in un velodromo, quello di Fiorenzuola, dotato di tutti i crismi per ospitare una manifestazione del genere. Qui in agosto è ripartito il calendario internazionale del ciclismo su pista, con la 6 Giorni delle Rose, una sfida non da poco che quest’organizzazione ha vinto. In questo velodromo sono passati tanti ragazzi che poi hanno fatto grandi cose, come Filippo Ganna ed Elia Viviani, e sono convinto che di molti giovani che parteciperanno quest’anno agli Europei sentiremo parlare in futuro”.

Questa è un’importante manifestazione sportiva resa possibile grazie all’impegno e alla professionalità di tutti coloro che si prodigano per organizzarla – ha detto il sindaco di Fiorenzuola Romeo Gandolfi -. Un evento che è un’interessante vetrina Europea per il nostro territorio perché offre l’opportunità, a tutti gli atleti, di entrare in contatto con i luoghi della nostra città, provincia e dintorni. Al contempo è un’opportunità per dimostrare l’interesse rivolo alla pratica sportiva del ciclismo. da anni la nostra città ne è diventata simbolo grazie alla 6 Giorni delle Rose. Felice di ospitare questi giovani promesse. In bocca al lupo a tutti gli atleti!”

È davvero emozionante pensare che tanti ragazzi e ragazze da tutta Europa verranno a Fiorenzuola per vivere un’esperienza che, in ogni caso, ricorderanno per sempre – le parole di Claudio Santi, direttore del Velodromo -. Per molti di loro sarà un ritorno, visto che sono già stati da noi per la 6 Giorni delle Rose, mentre per altri sarà la prima volta: Fiorenzuola li accoglierà tutti con l’affetto e la disponibilità di sempre. Grazie alla Uec, che ha scelto il nostro Velodromo per questo evento, grazie alle istituzioni per il loro imprescindibile sostegno e a tutti i membri dello staff del Velodromo, che ce la stanno mettendo tutta affinché atleti e staff di tutta Europa siano messi nelle condizioni migliori per vivere l’evento”.

Il programma e la guida tecnica della manifestazione sono disponibili sul sito ufficiale dell’Uec nella sezione "Track > Events" (nella foto Cassani e Gandolfi)