28 Giugno Giu 2019 2126 20 days ago

EUROPEAN GAMES MINSK: Ragazze d'oro, uomini d'argento

Il quartetto donne batte la GBR in 4’18”695, quello maschile cede solo alla Russia

Oroazzurre Minsk

Minsk (BLR) (28/05) - Azzurre davvero straordinarie! Martina Alzini, Elisa Balsamo, Marta Cavalli e Letizia Paternoster regalano all’Italia il primo titolo su pista, il secondo nel ciclismo dopo quello di Davide Ballerini nella prova in linea. E’ successo nel velodromo di Minsk Arena ed è oro nell’inseguimento a squadre per le Rockets Girls del CT Salvoldi che battono la Gran Bretagna in una sfida da cardio-palma che ha visto l’Italia recuperare il leggero gap iniziale.

Sincronia, ritmo e concentrazione per le azzurre sempre più d’oro!

Le azzurre, dopo aver registrato il miglior tempo in qualifica, nella sfida contro la Bielorussia, segnano il tempo di 4’23”725 con un gap di oltre 3” sulla nazionale padrona di casa (4’26”842) conquistando la finale per l’oro contro la Gran Bretagna che al 1^ round ha registrato un crono di 4’21”023. La lotta per l’oro è stata serratissima: 4’18”695 il crono delle azzurre che vale la medaglia d’oro contro i 4’21”173 della Gran Bretagna, argento in finale.

Il bronzo è stato vinto dalla Polonia.

“Questo è un successo storico che acquisterà grande valore nel tempo – dice Salvoldi –. Come valore tecnico della prova sono contento e soddisfatto. Vicissitudini diverse ci hanno portato qui attraverso un percorso non omogeneo quindi, con più di un dubbio. La consapevolezza di essere un gruppo molto forte c’è e cresce in tutti noi. Lo vedrete molto presto!”

ARGENTO AI QUATTRO MOSCHETTIERI

Il tempo di festeggiare l’oro delle azzurre nel quartetto che un’altra medaglia di grande spessore arriva dal settore maschile. Sono i quattro moschettieri Liam Bertazzo, Francesco Lamon, Davide Plebani e Stefano Moro, che nella sfida contro la Russia nell’inseguimento a squadre, conquistano uno splendido argento, arricchendo così il bottino azzurro.

Davanti alla supremazia della Russia (oro in 3’15”487) già miglior tempo in qualifica e miglior tempo assoluto al 1^ round (3’53”104), gli azzurri non hanno ceduto nella finale: determinazione, talento e cuore, li ha portati a conquistare il secondo gradino del podio. Lo avevano già annunciato gli azzurri con il loro secondo miglior tempo nelle prove di qualifica e poi con un ottimo 3’56”408 nella lotta contro la Bielorussia, infliggendo un gap, al 1^ round, alla nazionale padrona di casa di oltre un secondo e mezzo (3’57”899) guadagnandosi la finale per l’oro, vinta poi dalla Russia e migliorano il loro crono registrato ieri 3’58”504.

Bronzo alla Svizzera.

“E’ argento – dice il CT Villa – Siamo secondi – rimarca – ma visto l’emergenza ci accontentiamo. La nota positiva è anche l’inserimento nel gruppo élite di altri due elementi under 23 come Moro e Giordani. Siamo soddisfatti anche dalla notizia della vittoria di Filippo Ganna al Tricolore crono. Un risultato che esalta la filosofia del gruppo”