13 Aprile Apr 2017 1405 2 months ago

MONDIALI PISTA: Gli azzurri conquistano un magnifico bronzo

Dopo 19 anni l'Italia torna sul podio mondiale dell'inseguimento a squadre superando nettamente la Gran Bretagna

Podioazzurri Inseguimento

Hong Kong (Cina) (13/4) - Meraviglioso, storico bronzo del quartetto azzurro tornato alla formazione standard con Simone Consonni, Liam Bertazzo, Filippo Ganna e Francesco Lamon. Nella finale contro la Gran Bretagna (Latham Christopher, Stewart Mark, Tennant Andrew, Wood Oliver) gli azzurri hanno vinto nettamente in 3'56"935 contro 3'58"566.

Dopo 19 anni l'Italia torna sul podio mondiale della specialità olimpica e può guardare a Tokyo 2020 con fondate speranze di recitare un ruolo da protagonista considerate l'età dei nostri pistard e la continuità dei progressi.

L'oro è andato, come previsto, all'Australia (Welsford Sam, O'Brien Kelland, Porter Alexander, Wight Rohan) con il tempo di 3'51"503, argento alla Nuova Zelanda (Gough Regan, Bulling Pieter, Kennett Dylan, Kergozou Nicholas)in 3'53"979.

Le premiazione sono state effettuate con grande gioia dal presidente della FCI e membro dell'UCI Renato Di Rocco.

Gruppoazzurro13aprile

Dichiarazione del CT Marco Villa: “Nelle due prove abbiamo visto che la Gran Bretagna correva sempre in 3’56”, noi invece sapevamo che impresso nelle gambe avevamo il 3’55”. Sapevamo anche che la Gran Bretagna avrebbe iniziato la sfida andando veramente forte. Così è stato. Ma non abbiamo perso il controllo e abbiamo corso i primi 2 km come da tabella. Poi visto il vantaggio della Gran Bretagna ho richiamato gli azzurri che hanno prontamente reagito.

Bravi tutti, perché hanno saputo e voluto crederci fino alla fine. Da Consonni a Lamon, passando per Bertazzo e Ganna. Non solo; ringrazio Scartezzini che ieri ha dato il suo importante contributo ed anche Giordani che è sempre stato a disposizione. Un grazie anche ad Elia Viviani e agli altri azzurri che fino a qui ci hanno accompagnato, a tutto lo Staff e alla Federazione. Senza poi la collaborazione delle squadre degli azzurri, professional, Pro-Tour, Continental e Under23, non avremmo potuto raggiungere un podio così prestigioso dopo vent’anni”.

Applaude gli azzurri anche il Presidente Di Rocco: “Sono molto felice di poter rivivere le soddisfazioni che provengono dalla pista. Ottimo il risultato di ieri della giovane Barbieri. Abbiamo un ricambio generazionale con giovani di talento ed una continuità del lavoro sostenuto dallo studio dei particolari. Due quartetti sono tra le prime quattro nazioni al mondo ed uno ha conquistato un bronzo di grande valore. Medaglia, questa, vinta contro la Gran Bretagna che rappresentava il modello di riferimento, a conferma della qualità del lavoro svolto e del progetto federale. Grazie agli atleti del settore maschile e femminile, ai tecnici, alla metodologia garantita dal Centro Studi, l’Italia si riporta al livello che merita”.​

In seguito si è svolta la finale diretta dello scratch maschile. Al via il giovane azzurro Francesco Castegnaro, che conclude al decimo posto al termine di una gara coraggiosa. Il titolo premia il polacco Adrian Teklinski, bravissimo a profittare del rallentamento del gruppo a cinque giri dal termine per involarsi e conquistare l'oro. Alle sue spalle il tedesco Luca Liss, scattato troppo tardi all'inseguimento, bronzo al britannico Christopher Latham.

Inseguimentosquadreuomini Podio

INSEGUIMENTO A SQUADRE

1°-2° POSTO: 1. AUSTRALIA (Welsford Sam, O'Brien Kelland, Porter Alexander, Wight Rohan) 3’51”503; 2. NUOVA ZELANDA (Gough Regan, Bulling Pieter, Kennett Dylan, Kergozou Nicholas) 3’53”979

3°-4° POSTO: 3. ITALIA (Consonni Simone, Bertazzo Liam, Ganna Filippo, Francesco Lamon) 3’56”935; 4. GRAN BRETAGNA (Latham Christopher, Stewart Mark, Tennant Andrew, Wood Oliver) 3’58”566

SCRATCH UOMINI

  1. Teklinski Adrian (Pol)
  2. Liss Lucas (Ger)
  3. Latham Christopher (Gbr)
  4. Stroetinga Wim (Ola)
  5. Suter Gael (Svi)
  6. Kneisky Morgan (Fra)
  7. Kovalcik Zachary (Usa)
  8. Volikakis Christos (Gre)
  9. Ghys Robbe (Bel)
  10. Castegnaro Francesco (Ita)
  11. Mora Vedri Sebastian (Spa)
  12. Lovassy Krisztian (Ung)
  13. Muller Andreas (Aut)
  14. Karaliok Yauheni (Blr)
  15. Blaha Martin (Cze)
  16. Gaineyev Robert (Kaz)
  17. Taragel Filip (Svk)
  18. Santoyo Gonzalez Jose Alfredo (Mex)
  19. English Felix (Irl)
  20. Matias Joao (Por)
  21. Leung Chun Wing (Hkg)
  22. Shevchuk Taras (Ucr)
  23. Porter Alexander (Aus)
Azzurrifelici Copia

Segue aggiornamento